Mikeleb

Vai ai contenuti

Menu principale:

Storia e Religione

CHI ERANO I GIGANTI ?

LA BIBBIA PARLA DI LORO AL CAPITOLO 8 DI GENESI AI VERSETTI DA 4 IN POI CHIAMANDOLI NEFILIM MA IN REALTA’ CONSIDERATI VIOLENTI E PREPOTENTI ABBATTITORI COLORO CHE FANNO CADERE ALTRI. IL NOME DERIVA DA UNA FORMA CAUSATIVA DEL VERBO EBRAICO “ NAFAL (CADERE)



LI CHIAMAVANO IN EBRAICO “ REFAIM” :

Tribù o popolo di alta statura. Non si conoscono con precisione né il significato né l’origine del nome. Probabilmente si chiamavano refaim perché discendenti di un uomo di nome Rafa. In 2 Samuele 21:16 ricorre l’espressione haRafàh (lett., “il Rafà”): il nome del padre sembra essere stato usato per indicare l’intera stirpe di giganti.
In epoca remota i refaim si erano evidentemente stanziati a E del Mar Morto. I moabiti, che li spodestarono, li chiamavano emim (“cose spaventose”). Gli ammoniti li chiamavano zamzummim (forse da una radice che significa “avere in mente; tramare”). (De 2:10, 11, 19, 20) Quando Chedorlaomer re di Elam si diresse a O per far guerra a cinque re ribelli nei pressi del Mar Morto (prendendo prigioniero Lot), sconfisse i refaim ad Asterot-Carnaim. (Ge 14:1, 5) Quindi a quell’epoca i refaim si trovavano in Basan, a E del Giordano. Poco dopo Dio disse che avrebbe dato ai discendenti di Abraamo la Terra Promessa, che includeva la regione abitata dai refaim. — Ge 15:18-20.
Oltre 400 anni più tardi, quando Israele stava per giungere in Canaan, “il paese dei refaim” si identificava ancora con Basan. Là gli israeliti sconfissero Og re di Basan (De 3:3, 11, 13; Gsè 12:4; 13:12), il solo ‘rimasto di ciò che restava dei refaim’. Non si può dire con certezza se questo significa che era l’ultimo re dei refaim o l’ultimo dei refaim nella regione, dato che poco dopo furono trovati refaim a O del Giordano.
Nella Terra Promessa gli israeliti ebbero delle difficoltà con i refaim, poiché alcuni di loro rimasero nei boschi della regione montagnosa di Efraim. I figli di Giuseppe ebbero paura di scacciarli. (Gsè 17:14-18) Mentre combattevano contro i filistei, Davide e i suoi servitori abbatterono quattro uomini “nati ai refaim a Gat”. Uno di loro era “un uomo di statura straordinaria che aveva sei dita a ciascuna mano e a ciascun piede, ventiquattro”. La descrizione della loro armatura indica che erano tutti uomini di alta statura. Uno di questi era “Lami fratello di Golia il gattita”. (1Cr 20:4-8) Questo Golia, ucciso da Davide, era alto sei cubiti e una spanna (quasi 3 m). (1Sa 17:4-7) In 2 Samuele 21:16-22, anziché “fratello di Golia” come in 1 Cronache 20:5, il testo ha “Golia”, e questo potrebbe indicare che c’erano due Golia. — Vedi GOLIA.
Il termine ebraico refaʼìm ricorre anche in un altro senso nella Bibbia. A volte è chiaro che non si riferisce a un popolo particolare, ma ai morti in generale. Ricollegando questo vocabolo a una radice che significa “cascare, rilassarsi”, alcuni studiosi ritengono che significhi “sprofondati, impotenti”. Nei versetti in cui il termine ha questo significato la Traduzione del Nuovo Mondo lo rende “quelli impotenti nella morte”, e molte altre traduzioni usano espressioni come “defunti” o “trapassati”. — Gb 26:5; Sl 88:10; Pr 2:18; 9:18; 21:16; Isa 14:9; 26:14, 19
.( Informazioni  tratte dal Sito JW.org : copyright. 2017 Watch Tower Bible ant Tract Society of Pennsylvania.)

RIFERIMENTI BIBLICI

(2 Samuele 21:16) E Isbi-Benob, che era fra i nati dei refaim, il peso della cui lancia era di trecento sicli di rame e che aveva cinto una spada nuova, pensava di abbattere Davide.

(Deuteronomio 2:10-11) (In esso dimoravano in tempi precedenti gli emim, popolo grande e numeroso e di alta statura come gli anachim. 11 In quanto ai refaim, anch’essi erano considerati come gli anachim, e i moabiti li chiamavano emim.

(Deuteronomio 2:19-20) e ti devi avvicinare di fronte ai figli di Ammon. Non li molestare e non ti impegnare in una lotta con loro, perché non ti darò in possesso nulla del paese dei figli di Ammon, poiché l’ho dato in possesso ai figli di Lot. 20 Anch’esso era considerato il paese dei refaim. (I refaim vi dimoravano in tempi precedenti, e gli ammoniti li chiamavano zamzummim.

(Genesi 14:1) Ora avvenne ai giorni di Amrafel re di Sinar, di Arioc re di Ellasar, di Chedorlaomer re di Elam, e di Tidal re di Goim,

(Genesi 14:5) E nel quattordicesimo anno venne Chedorlaomer, e anche i re che erano con lui, e inflissero sconfitte ai refaim ad Asterot-Carnaim, e agli zuzim ad Ham e agli emim a Save-Chiriataim

(Genesi 15:18-20) In quel giorno Geova concluse con Abramo un patto, dicendo: “Al tuo seme darò certamente questo paese, dal fiume d’Egitto al gran fiume, il fiume Eufrate: 19 i cheniti e i chenizei e i cadmonei 20 e gli ittiti e i ferezei e i refaim

(Deuteronomio 3:3) Pertanto Geova nostro Dio ci diede in mano anche Og re di Basan e tutto il suo popolo, e continuammo a colpirlo finché non gli rimase nessun superstite.

(Deuteronomio 3:11) Poiché era rimasto solo Og re di Basan di ciò che restava dei refaim. Ecco, la sua bara era una bara di ferro. Non è essa a Rabba dei figli di Ammon? La sua lunghezza è di nove cubiti, e la sua larghezza di quattro cubiti, secondo il cubito di un uomo.

(1 Samuele 17:4-7) E un campione usciva dagli accampamenti dei filistei, e il suo nome era Golia, da Gat, e la sua altezza era di sei cubiti e una spanna. 5 E sulla sua testa c’era un elmo di rame, e indossava una cotta di maglia, a scaglie sovrapposte, e il peso della cotta di maglia era di cinquemila sicli di rame. 6 E al di sopra dei suoi piedi c’erano schinieri di rame e fra le sue spalle un giavellotto di rame. 7 E l’asta di legno della sua lancia era simile al subbio dei lavoratori al telaio, e la lama della sua lancia era di seicento sicli di ferro; e colui che gli portava il grande scudo gli marciava davanti.

(2 Samuele 21:16-22) E Isbi-Benob, che era fra i nati dei refaim, il peso della cui lancia era di trecento sicli di rame e che aveva cinto una spada nuova, pensava di abbattere Davide. 17 Subito Abisai figlio di Zeruia venne in suo aiuto e abbatté il filisteo e lo mise a morte. In quel tempo gli uomini di Davide gli giurarono, dicendo: “Non devi più uscire con noi in battaglia, affinché tu non estingua la lampada d’Israele!” 18 E dopo ciò avvenne che ci fu di nuovo guerra con i filistei a Gob. Fu allora che Sibbecai l’husatita abbatté Saf, che era fra i nati dei refaim. 19 E ci fu di nuovo guerra a Gob con i filistei, ed Elanan figlio di Iaare-Oreghim il betleemita abbatteva Golia il gattita, l’asta della cui lancia era come il subbio dei lavoratori al telaio. 20 E ci fu di nuovo guerra a Gat, quando ci fu un uomo di statura straordinaria, con sei dita in ciascuna delle sue mani e sei dita in ciascuno dei suoi piedi, ventiquattro di numero; e anche lui era nato ai refaim. 21 E biasimava Israele. Infine Gionatan figlio di Simei, fratello di Davide, lo abbatté. 22 Questi quattro erano nati ai refaim a Gat; e caddero per mano di Davide e per mano dei suoi servitori.

(1 Cronache 20:5) E ci fu di nuovo guerra con i filistei; ed Elanan figlio di Iair abbatteva Lami fratello di Golia il gattita, l’asta della cui lancia era come il subbio dei lavoratori al telaio

Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu